IPR Marketing tempo reale: sondaggio sul dopo Brexit

ipr-marketing-sondaggi

 

Nella puntata di Porta a Porta andata in onda il 24 giugno scorso è stato presentato il sondaggio di IPR Marketing tempo reale sugli effetti che l’imminente uscita del Regno Unito dalla Ue ha avuto sugli italiani.  L’istituto di analisi e ricerche di mercato ha chiesto ad un campione di 1000 cittadini italiani come avrebbero votato se il referendum fosse stato fatto anche nel nostro paese. I dati raccolti dall’istituto di ricerca e analisi di mercato Ipr Marketing dimostrano che  gli italiani intenzionati a rimanere nell’Unione Europea sono solo il 45%, il 10% in meno rispetto al dicembre dello scorso anno, contro il 43% che invece dichiara di voler seguire l’esempio dell’Inghilterra. E’ interessante notare che ben il 90% di coloro che sono favorevoli alla permanenza dell’Italia in Europa voti PD, mentre i più scettici siano gli  elettori del M5S, Lega Nord e Forza Italia.

Stessa tendenza anche per quanto riguarda la domanda sulla moneta. Per il 94% dei votanti Lega bisogna ritornare alla vecchia lira, mentre per il 94% dei votanti del PD è preferibile continuare ad usare l’euro.

L’istituto di analisi e ricerche di mercato ha chiesto agli intervistati un’opinione sul mutare della situazione italiana dopo la Brexit. I dati raccolti sono abbastanza frammentati,  specchio forse della confusione e dell’incertezza di questi giorni, in quanto il 10% degli intervistati sostiene che le cose miglioreranno, il 43%  si dice pessimista e il 33% vede la situazione immutata.

Sulle cause che hanno portato alla Brexit i cittadini intervistati sembrano avere le idee chiare. Il 47% punta il dito contro l’Europa, a cui viene attribuita tra l’altro la responsabilità della crisi economica che ci ha investito in questi ultimi anni. A tal proposito il 58% degli italiani si dice estremamente scettico circa il futuro dell’Europa, inoltre ben il 72% ritiene che il Regno Unito non sia un caso isolato, anzi, possa aver dato il la ad un’ondata di antieuropeismo anche da parte di altre nazioni.

Alla domanda dell’Istituto di ricerca e analisi di mercato IPR  Marketing sul sentimento che gli italiani provano verso l’Europa oggi il 50% dichiara di sentirsi meno sicuro proprio perché l’Italia è nell’Unione Europea contro il 44% che si dimostra invece più fiducioso.

Sono dati interessanti questi raccolti da IPR sondaggi in quanto dimostrano che l’effetto Brexit si sta facendo sentire non solo in borsa ma anche nelle opinioni dei cittadini europei.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *